Sergei Grinko A/W 2013 2014: Anatomically Correct

5 Mar

Sergei Grinko "Anatomically Correct" A/W 2013 2014 MilanoAnatomically Correct di Sergei Grinko sfila davanti ai miei occhi ed il mondo prende a vorticare. E’ eleganza e bellezza. E’ lusso e opulenza, è l’imperfezione umana ed il sogno che si fa tessuto, moda e colore. E’ semplicemente Sergei Grinko, e la sua incredibile collezione per l’autunno-inverno 2013 2014.

Sergei Grinko "Anatomically Correct" A/W 2013 2014 Milano

Alle sfilate milanesi si arriva in taxi, sui tacchi alti e con gli occhiali da sole. Io arrivo direttamente da Narnia, in treno, con l’ombrello e le Dr Martens. Ci arrivo presto e con il cuore in gola. Con le tasche piene di caramelle ed aspettative.

Sergei Grinko "Anatomically Correct" A/W 2013 2014 Milano

C’è chi dice che nella vita sia meglio non crearsi aspettative, vivere nell’ombra e lasciarsi sorprendere. Io invece amo avere aspettative. L’attesa è la parte migliore della vita: costruire castelli in aria, sognare e sorprendersi nella sorpresa.

Sergei Grinko "Anatomically Correct" A/W 2013 2014 Milano

Ed è su questo che si basa il mio amore per il lavoro di Sergei Grinko: so perfettamente che le sue mani hanno creato meraviglie ancora prima di averle viste. Perchè Sergei Grinko ha il potere di dare vita alla stoffa e renderla unica, renderla una ragione di vita, qualcosa per la quale valga la pena piangere.

Sergei Grinko "Anatomically Correct" A/W 2013 2014 Milano

Per questo è inutile dirvi che anche questa volta ho pianto, soprattutto guardando l’emozione di Filippo, dall’altra parte della sala. Piangere è liberazione, ed è una vera gioia liberare le sensazioni, liberare l’essenza della moda e lasciarla scorrere sul proprio viso insieme a quella delle persone che hanno lavorato con intensità ed amore ad un progetto tanto ambizioso quanto vero.

Sergei Grinko "Anatomically Correct" A/W 2013 2014 Milano

Anatomically Correct è una collezione elegante e coinvolgente, diversa da quanto sia mai stato fatto, ma profondamente legata allo stile intenso, femminile e strutturato di Sergei Grinko. L’ispirazione è l'”imperfezione”, l’opporsi dello stilista ai canoni proposti dai media, che con questa collezione preferisce celebrare ed innalzare l’unicità di ogni donna, ma anche forma animale o vegetale.

Sergei Grinko "Anatomically Correct" A/W 2013 2014 Milano

L’unicità della natura viene in questo modo trasformata dallo Stilista russo, ma italiano di adozione, in un trionfo di stampe su lana, seta e pashmina, ma anche applicazioni in pelliccia e dettagli gioiello che impreziosiscono i modelli d’ispirazione ’70s, che ci restituiscono un insieme futuristico e strutturato, marchio di fabbrica di Sergei Grinko.

Sergei Grinko "Anatomically Correct" A/W 2013 2014 Milano

La palette cromatica della collezion A/W 2013 2014 passa dal bianco al prugna passando per pesca e cipria, colori sofisticati che io mio diverto a chiamare “color malattia” perchè rappresentano classe ed eleganza innata e valorizzano le donne più chic e sofisticate, rendendo invece scialbe le donne “qualunque”, quelle che non hanno il coraggio di abbandonarsi alla forza dello stile.

Sergei Grinko "Anatomically Correct" A/W 2013 2014 Milano

L’eleganza degli abiti è resa unica da gioielli d’ispirazione tribale, borse e pochette come sempre nate dal lavoro di Erika Regondi e da un’esclusiva capsule collection di scarpe firmata Mario Valentino for Sergei Grinko.  Come sapete sono una fan assoluta del colpo di fulmine, e in questo caso le frecce del cupido milanese mi hanno colpita senza pietà al cospetto degli eleganti elmetti alla cavallerizza, in stile Audrey Hepburn, alla splendida cappa di pelliccia color cipria stretta in vita da una cintura, ma anche e soprattutto innanzi ai lunghi abiti fluttuanti con stampe astratte di unicorni ripetuti all’infinito: creature magiche che nella propria maestosa unicità perdono dimensione e ne acquistano una nuova, più morbida e viva. Eterna.

Sergei Grinko "Anatomically Correct" A/W 2013 2014 Milano

La forza di questa collezione è la sua “pulizia”, abbinata al sogno. Nonostante lo stile estremamente elegante ed i dettagli ultra moderni e preziosi, Anatomically Correct conserva uno stile pulito che ogni donna amerebbe sognare, amare, indossare. Per questo, io che sono esattamente ogni donna, ogni donna là fuori con scarpe robuste per affrontare la neve e con i capelli crespi il 99% delle volte, amo sognare, abbandonarmi e desiderare. Appoggiandomi sul cuore ogni sfumatura di “color malattia”, che irrimediabilmente si trasforma in “color me”.

Sergei Grinko "Anatomically Correct" A/W 2013 2014 Milano

Per questo amo piangere alle sfilate di Sergei Grinko, e lo farò sempre, settimana della moda, dopo settimana della moda. Anche se lo so, un giorno arriverò anche io a Palazzo Clerici in Taxi, su tacchi alti e con gli occhiali da sole. Ma le mie tasche saranno sempre piene di caramelle ed aspettative. Aspettative pirotecniche rese stoffa e lacrime di gioia da lui, da Sergei Grinko, lo stilista del mio cuore.

Sergei Grinko "Anatomically Correct" A/W 2013 2014 Milano

Ovviamente voi sapete che io e la macchina fotografica siamo due mondi a parte.  Pertanto, cliccate qui e godetevi ogni singolo look Anatomically Correct. Poi, scrivetemi. Ditemi che ho ragione.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: